Arrivato oggi il Composter elettromeccanico da 60 Ton/anno per la gestione della frazione Organica per il comune di Riparbella

Da Rifiuto a Compost a km zero

Queste compostiere rappresentano una soluzione intelligente per lo smaltimento dei rifiuti organici consentendo di mettere in atto quello che si definisce compostaggio locale o comunitario / prossimità.

Dispongono di due camere separate, una di “sviluppo” in cui viene man mano conferito l’organico e una di “maturazione” dove l’organico matura per un totale di 60 giorni.

La macchina (detta anche Composter) garantisce i migliori risultati in condizioni di assoluta igiene.

Introducendo il compostaggio locale collettivo diventa possibile per i Comuni ridurre il costo di raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento dei rifiuti organici dal 30 al 70% nonché eliminare il circuito di raccolta della frazione umida con l’installazione di una sola macchina compostatrice, abbattendo così anche le emissioni dovute ad inquinamento e al traffico.

Non è più necessario raccogliere quotidianamente la frazione organica e trasportarla anche per molti chilometri. In questo modo il compost a km zero permette di evitare le emissioni di CO2 dovute ai consumi di carburante. Allo stesso modo, eliminando in loco la frazione organica, la raccolta delle frazioni residue, secche e riciclabili, può avvenire con frequenze ridotte e con maggiore efficacia, riducendo ulteriormente le emissioni di CO2.

Il compost prodotto localmente può essere utilizzato direttamente per il giardinaggio e la floricoltura. In questo modo la chiusura del ciclo è completa e le buone pratiche si rafforzano come abitudini consolidate.

QUALI SONO I VANTAGGI CHE POSSIAMO TRARRE DALL’USO DI UNA COMPOSTIERA?

VANTAGGI PER L’AMBIENTE
il compost rende fertile il terreno. Incremento della fertilità dei suoli.

L’ambiente trae un vantaggio diretto in quanto i nostri terreni sono sempre più poveri di carbonio, e l’indice di desertificazione è in continua crescita.
Il compost è un fertilizzante naturale utilissimo a tal proposito, perché apporta elementi nutritivi al terreno, rendendolo soffice e poroso, aumentandone così la capacità di trattenere l’acqua.
Il compost ha un effetto fertilizzante a lungo termine, superiore al letame bovino. La flora dei micro-organismi combatte malattie e infestanti, e contrasta la formazione di muschi.

Riduzione delle emissioni di CO2.
Questo perché il processo di compostaggio avviene in loco, consentendo l’abbattimento dei trasporti all’azienda di smaltimento.

Si evita la costruzione di nuovi impianti per lo smaltimento dei rifiuti.

Il compost viene prodotto attraverso un processo completamente naturale che non immette gas metano nell’ambiente.

L’igienizzazione del sistema è garantito dalle alte temperature che si sviluppano a seguito del processo aerobico.
In termini di impatto, la putrescibilità dei rifiuti organici, ne fa il primo responsabile dei percolati, delle emissioni di gas serra e dei cattivi odori nelle discariche.

ALTRI VANTAGGI
I vantaggi sono molteplici a partire dall’eliminazione dei costi di trasporto e trattamento dell’organico verso i grandi impianti di compostaggio. Tale costo incide maggiormente per i Comuni distanti dagli impianti di compostaggio.

Si tratta di un risparmio importante perché la frazione organica presente nel rifiuto urbano è la prima componente in peso dei rifiuti prodotti e, per l’elevata frequenza di raccolta necessaria, rappresenta in termini economici la prima voce di costo tra le diverse tipologie di raccolta differenziata dopo la frazione residua.

Possibilità di utilizzare il compost prodotto per le aree verdi comunali
Possibilità di ridurre la tassa dei rifiuti e/o di devolvere le somme risparmiate in altri servizi per la cittadinanza